Mostre

Fotografare la Memoria. ONE SHOT – uno scatto, un racconto

Pubblicato il

“Promemoria_Auschwitz” è un importante progetto di approfondimento critico e approccio consapevole a una delle pagine più complesse e tragiche dell’era contemporanea curato dal Comune di Trieste – Area Educazione, Università, Ricerca, Cultura e Sport, dalla Provincia di Trieste e dall’Associazione di promozione sociale Deinà, in collaborazione con gli storici dell’Istituto Regionale di Storia del Movimento di Liberazione dell’IRSML FVG e la Comunità Ebraica di Trieste.
Tra le occasioni formative che preparano gli studenti degli Istituti Superiori di Trieste al viaggio-studio in alcuni luoghi simbolo della Shoah, per il terzo anno, è stato attivato il percorso “Fotografare la Memoria”. “ONE SHOT – uno scatto, un racconto” è il sottotitolo, e anche il concept, che ha guidato questa edizione curata dai Poli di Aggregazione Giovanile/Ufficio alle Politiche Giovanili e dall’associazione dotART, in collaborazione con il Civico Museo della Risiera di San Sabba.
Testimoniare in un solo scatto l’esperienza vissuta nella visita ai campi di concentramento e sterminio di Auschwitz-Birkenau e farne un racconto collettivo, è questo l’obiettivo del progetto fotografico. Per realizzarlo, i giovani autori hanno partecipato a un seminario introduttivo, a un workshop pratico alla Risiera di San Sabba e hanno svolto, insieme a degli esperti, un successivo lavoro di foto-editing. I “segni” della memoria – scrive Giancarlo Torresani – colti negli scatti di questi studenti partono da una molteplicità di modi diversi di vedere e di sentire per confluire in una unicità narrativa: un racconto di racconti”. Ora questo “racconto” viene esposto dal 20 aprile (inaugurazione alle ore 18.00) alla Risiera di San Sabba e i 16 scatti realizzati da Alessandro Bosco, Davide Pischianz, Leandro Urbani, Georgia Maltese, Maria Cossi, Martin Rachelli, Niccolò Carnio, Jacopo De Denaro si offrono a tutti coloro che sapranno cogliere in queste immagini, la sensibilità, le emozioni e i pensieri di chi, giovane, le ha realizzate.