MostreNotizie

Italiani d’Istria. Chi partì e chi rimase

Storie orali e ritratti fotografici raccolti da Lucia Castelli tra Pirano e Fossoli. 

La mostra allestita al civico museo della Risiera di San Sabba (sala commemorazioni) dal 2 al 30 ottobre

L’esodo giuliano-dalmata raccontato dalla viva voce dei protagonisti, dagli italiani che lasciarono l’Istria per approdare al Villaggio San Marco di Fossoli, in quello che era stato un campo di prigionia nazi-fascista, o che si dispersero in varie parti d’Italia, e da chi invece decise di rimanere nella ex-Jugoslavia.

Lucia Castelli ha trascorso la propria infanzia nella struttura di Fossoli, ma in Istria ha mantenuto parenti e conoscenti. Nel 2014 ha deciso di raccontare la sua comunità, raccogliendo le storie orali ed i ritratti fotografici di oltre 50 “Italiani d’Istria” che oggi vivono in Italia tra Bologna, Firenze, Modena e Trieste, ma pure di alcuni che decisero di rimanere, faticosamente, nella terra d’origine.

Questi ritratti fotografici di italiani d’Istria e altrettante storie orali compongono l’affresco di una comunità che venne dispersa, uomini e donne che, improvvisamente, si trovarono ad essere ospiti non graditi in una nazione straniera.

La mostra – a ingresso libero – allestita al Civico Museo della Risiera di San Sabba, Monumento Nazionale (Sala Commemorazioni) in via Giovanni Palatucci 5 e visitabile dal 2 al 30 ottobre (tutti i giorni, dalle ore 9 alle 17) è prodotta dalla Fondazione Campo Fossoli con la supervisione scientifica del Centro Etnografico del Comune di Ferrara è accompagnata da un catalogo pubblicato da Editoriale Sometti di Mantova. Ed è stata organizzata in occasione del viaggio: “Storia in viaggio dall’Istria a Fossoli” organizzato dalla Fondazione Campo Fossoli

Lucia Castelli, nata a Carpi (MO) nel 1956, vive a Modena. Negli ultimi anni ha intrapreso un percorso mirato all’approfondimento della fotografia creativa costruita, partecipando ad esperienze laboratoriali che l’hanno portata ad esporre le proprie foto in prestigiose mostre collettive in Italia, Francia, Slovenia e Croazia.