Notizie

31 gennaio: spettacolo per le scuole Dal campo di calcio ad Auschwitz. Storia di un allenatore ebreo e della sua famiglia

Avviso importante | La Risiera di San Sabba comunica che i posti per lo spettacolo sono esauriti. | È possibile essere inseriti in lista d’attesa.

Giorno della Memoria 2023
Dal campo di calcio ad Auschwitz. Storia di un allenatore ebreo e della sua famiglia

Spettacolo teatrale basato sulla biografia di Árpád Weisz, con videoproiezioni
Promosso dal Comune di Trieste, Civico Museo della Risiera di San Sabba – Monumento Nazionale
Di e con Davide Giandrini

Martedì 31 gennaio 2023 | due repliche: ore 10.00 e ore 12.00 | Trieste, Museo Revoltella, Auditorium Marco Sofianopulo, via Diaz 27 | ingresso gratuito | riservato alle scuole secondarie di primo grado | posti limitati | prenotazione obbligatoria entro il 24 gennaio

Info e prenotazioni risierasansabba@comune.trieste.it

Sinossi | Dal campo di calcio ad Auschwitz. Storia di un allenatore ebreo e della sua famiglia è un racconto teatrale della durata di 60’ dedicato alla storia di Árpád Weisz, scritto e interpretato da Davide Giandrini. Weisz, grande allenatore di calcio conteso dalle migliori squadre del campionato italiano, nel 1938 è alla guida del Bologna, primo in classifica; a causa delle leggi razziali lui, ebreo ungherese, lascia l’Italia per raggiungere prima la Francia e poi i Paesi Bassi finché, assieme alla moglie e ai figli, viene deportato ad Auschwitz da dove nessuno di loro farà ritorno. La narrazione, intima e poetica, è accompagnata da videoproiezioni e musiche originali e appassiona il pubblico unendo il drammatico tema della Shoah alla bellezza dello sport. L’evento si tiene nell’anniversario della morte di Árpád Weisz, occorsa il 31 gennaio 1944.

Lo spettacolo è riservato alle scuole secondarie di primo grado e sarà proposto in due repliche della durata di 60’ alle ore 10:00 e alle ore 12:00.

L’iniziativa fa parte del calendario di attività culturali organizzate dalla Risiera di San Sabba in occasione del Giorno della Memoria 2023.

Eventuali disdette dovranno essere comunicate con la massima tempestività per consentire a chi è in lista d’attesa di subentrare.